Associazione Moderata Fonte

 

indietro

 

 

  

RENATA CIBIN

 

Renata Cibin, nata a S. Donà di Piave (VE) il 24/07/48, risiede dal ’74 a Mirano con il figlio Francesco di 28 anni.
Laureata in lettere classiche all’Università di Padova nel 71, col massimo dei voti, ha sempre insegnato nei Licei Classici, prima al Franchetti di Mestre, poi al Corner di Mirano, alla cui autonomia ed intitolazione ha collaborato organizzando un convegno di studi teso a riscoprire e rivalutare la figura di Elena Corner, prima laureata nella storia italiana ed europea.
Nel Liceo di Mirano, ove è stata anche vice-preside, cura le attività integrative teatrali e musicali, all’interno del progetto di promozione dell’agio giovanile, organizzando, ogni anno, spettacoli e concerti. Ha fatto parte della prima commissione Pari Opportunità del provveditorato ed ha operato, come docente, in un corsi di formazione per ogni ordine di scuole della provincia di Venezia. E’, attualmente, supervisore di tirocinio per la SSIS del Veneto.
Ha tenuto e tiene lezioni per le università della terza età e collabora con associazioni di volontariato culturale e sociali quali: Agorà, CAI, Cesvitem, Leggidonna, Moderata Fonte. Fa parte dell’esecutivo della Banda Cittadina e del Comitato dell’ANPI di Mirano.
Dal 1994 al 1998 è stata assessore all’istruzione, formazione e cultura chiamata nella giunta del Sindaco Franco Marchiori. In questa veste si è occupata della riorganizzazione della rete scolastica, dei rapporti con la popolazione docente e studentesca, dell’educazione permanente, delle attività culturali, anche in collegamento con i Comuni limitrofi.
Ha collaborato con l’assessorato alle politiche sociali e giovanili in una serie d’iniziative volte a promuovere la partecipazione più ampia alla cittadinanza dando vita al progetto della città delle bambine e dei bambini che ormai sta diventando una rete nazionale.
Ha ritenuto prioritario per Mirano l’abbinamento cultura-turismo, individuando in esso una risorsa socio-economica, data la presenza, nel suo territorio, del Graticolato Romano, delle ville venete e, in esse, l’eredità Tiepolesca ancora viva grazie alla villa Tiepolo in località Zianigo. Ha, di conseguenza, favorito la loro valorizzazione tramite la costituzione di un centro Studi Tiepoleschi e della Biennale dell’incisione con premio Tiepolo da conferire ai giovani artisti.
Il suo lavoro è stato condotto in costante collaborazione con i gruppi di volontariato, le associazioni culturali, ricreative, ambientali.
È stata incaricata dal Consiglio comunale dell’educazione alla pace e delle politiche delle pari opportunità.
E’ stata candidata dai Democratici nelle elezioni provinciali del ‘99 per il collegio di Mirano e nelle elezioni regionali del 2000, nella lista Cacciari. In entrambe ha riscosso un buon risultato personale e di lista.
E’ stata Presidente dell’ultima Commissione Provinciale alle Pari Opportunità.